VI° Edizione 2019

I vincitori della Sesta edizione del Premio Nazionale ‘Amato Lamberti’ 2019, sono Elena Ciccarello, Martina Panzarasa ex aequo per la tesi in dottorato e Edoardo Zuffada, laurea magistrale.

I riconoscimenti, tre borse di studio da 1.000 euro ciascuno, hanno voluto premiare lavori imperniati sui temi della criminalità organizzata, dei traffici criminali, della corruzione e delle economie globali.

Il conferimento del Premio è stato deliberato dalla Commissione Scientifica, dal Presidente dell’Associazione Amato Lamberti, Roselena Glielmo, dal Presidente del Premio Franco Roberti, già Procuratore Nazionale Antimafia.

Elena Ciccarello, dell’Università degli studi di Firenze e di Torino con la tesi in dottorato: “La costruzione sociale della mafia. Il caso della criminalità organizzata a Roma” in ex aequo con Martina Panzarasa dell’Università degli studi di Milano e Torino con la tesi “Donne di Mafia e Carcere. Cultura, Esperienze e Pratiche in una Sezione di Alta Sicurezza”. Per la laurea magistrale, il riconoscimento è andato a Edoardo Zuffada dell’Università di Milano con la tesi “Il reato di scambio elettorale politico mafioso (Art. 416-TER C.P.): tra novità e occasioni mancate”.

La premiazione è avvenuta martedì 25 giugno alle ore 11, 30 presso la Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il Procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, l’assessore alla Cultura Nino Daniele, il presidente del comitato scientifico e eurodeputato Franco Roberti, l’ex procuratore aggiunto di Napoli, Aldo De Chiara, il direttore responsabile del centro di produzione della RAI di Napoli, Francesco Pinto e la giornalista d’inchiesta e scrittrice Amalia De Simone.